Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie seleziona "leggi". Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie

gio 20 / dom 23 SETTEMBRE 2018 | VIAGGIO NELL'ANTICO LAZIO. CITTA' SANTUARI E VILLE DI EPOCA ROMANA con Paolo Casari, archeologo e storico (4 gg / 3 nt) - CONFERMATO

TIVOLI, VILLA d'ESTE, PALESTRINA

ANAGNI, TERRACINA, SPERLONGA,

VILLA ADRIANA 

 

CON DOTT. PAOLO CASARI, ARCHEOLOGO E STORICO

 

 

Le ville imperiali, quella di Tiberio a Sperlonga, con la suggestiva grotta, e Villa Adriana a Tivoli, Patrimonio UNESCO; gli scenografici santuari della Fortuna Primigenia a Palestrina e di Giove Anxur a Terracina; la città di Tivoli con la raffinata villa rinascimentale d'Este e Anagni, la "città dei Papi".... paesaggi, luoghi e musei di grande bellezza in un intenso viaggio tra storia e arte. 

 

1° GIORNO | GIOVEDÌ 20 settembre 2018                   
TRIESTE |  TIVOLI | VILLA D'ESTE

Ritrovo dei partecipanti e partenza da Trieste Piazza Oberdan alle 06.30, soste lungo il percorso e pranzo libero. Arrivati a  Tivoli visita guidata alle testimonianze archeologiche dell’antica città, in particolare all’acropoli con i due tempietti. Si proseguirà poi con una guida locale per la visita di Villa d'Este e del suo splendido giardino. Trasferimento in pullman in hotel nelle vicinanze, sistemazione nelle stanze riservate. Cena e pernottamento.

L’acropoli di Tivoli occupa una lingua di terra staccata dal resto della città da un fossato artificiale. Sul suo lato orientale, sorgono due tempietti, uno rettangolare e uno circolare, costruiti in straordinaria posizione, quasi sul ciglio dello strapiombo dove si getta il fiume Aniene. Entrambi i tempietti risalgono al II secolo a.C., anche se non sono coevi.

Villa d'Este è uno splendido esempio di architettura rinascimentale e un capolavoro del giardino italiano, con un’enorme concentrazione di fontane, ninfei, gotte, musiche idrauliche e giochi d’acqua. Il cardinale Ippolito II d’Este, deluso dalla mancata elezione pontificia, fece rivivere qui i fasti delle corti di Ferrara, Roma e Fointanebleau, facendo rinascere la magnificenza di Villa Adriana. Il programma architettonico e iconologico fu ideato dal pittore-archeologo-architetto Pirro Lagorio, che per la decorazione della villa procurò anche grandi quantità di materiale da Villa Adriana.

 

 

2° GIORNO | VENERDI 21 settembre 2018                           
PALESTRINA | ANAGNI

Prima colazione in hotel. Al mattino, trasferimento a Palestrina, l’antica Praeneste. Visita al Museo Nazionale Archeologico Prenestino e all’area archeologica,  comprensiva del Foro della città antica e del Santuario della Fortuna Primigenia. Nel pomeriggio, visita ad Anagni con guida. Rientro in hotel, cena e pernottamento

La visita al Museo Archeologico, collocato all’interno del rinascimentale Palazzo Barberini, permette di comprendere l’importanza dell’antica città di Praeneste, una delle più fiorenti del Lazio antico. Qui sarà possibile ammirare anche il famoso mosaico policromo ellenistico che mostra l’Egitto al momento dell’inondazione del Nilo.

 

Il santuario oracolare della Fortuna Primigenia è una costruzione impressionante. Più volte rimaneggiato nei secoli, esso è composto da un complesso che si sviluppa su terrazze, ciascuna collegata con l’altra da rampe e scalinate. II santuario rappresenta un notevole esempio di architettura ellenistica in Italia, ispirato ai complessi monumentali scenografici dell’Egeo orientale

Anagni è nota come “la città dei Papi” poiché diede i natali a ben quattro pontefici e poiché fu a lungo residenza papale. La città è anche nota per il famoso “schiaffo di Anagni”, episodio secondo cui, nel 1303, il re francese Filippo V “Il Bello” inviò i suoi emissari Guglielmo Nogaret e Giacomo Colonna a cospetto di Papa Bonifacio VIII per impedire che venisse pubblicata la bolla che avrebbe scomunicato il sovrano francese. Il Papa fu imprigionato nel suo palazzo ad opera degli emissari del re di Francia, per poi essere liberato dai suoi concittadini dopo due giorni. L'episodio rappresenta quindi lo “schiaffo” morale dato dal potere temporale al potere spirituale. Nella città sono di particolare interesse la cattedrale, con gli splendidi affreschi duecenteschi, la residenza papale e Casa Barnekow, dove si narra che vi abbia soggiornato anche Dante.

 

 

3° GIORNO | SABATO 22 settembre 2018                               
TERRACINA | SPERLONGA

Prima colazione in hotel. In mattinata visita alla città di Terracina (LT), comprensiva del tempio di Giove Anxur, noto anche come “Santuario di Monte Sant'Angelo”, che sorge sulla cima dell'omonimo monte.  Nel pomeriggio: spostamento in pullman alla volta di Sperlonga (LT), circa 20 minuti di tragitto. Una volta a Sperlonga, visita alla Grotta di Tiberio e al Museo Archeologico.

 

Terracina sorse in una posizione strategica eccezionale, che è stata definita le “Termopili d’Italia”. Numerose le testimonianze antiche a cielo aperto, fra cui il Foro Emiliano, il cd. Capitolium e Porta Romana.

Il Tempio di Giove Anxur è ispirato alla grande architettura scenografica ellenistica e appartiene alla serie dei santuari laziali ristrutturati in modo monumentale dai Romani tra la fine del II sec. a.C. e l'inizio del I sec. a.C. Dalla cima del monte sovrastante il porto e la città, laddove sono stati restaurati il grande basamento templare e altre strutture, è possibile avere una straordinaria vista sulla città e sulla baia estesa dal Circeo a Gaeta.La villa di Sperlonga sorse sulla costa tra Terracina e Gaeta. La villa appartenne all’imperatore Tiberio e comprendeva una grandissima grotta (spelunca), da cui il nome moderno del paese. All’interno della grotta si trovavano alcuni eccezionali gruppi scultorei che riproducevano episodi dell’epos omerico. Quelli finora ricostruiti sono esposti nel vicino Museo Archeologico di Sperlonga e comprendono l'assalto di Scilla alla nave di Ulisse, l'accecamento del ciclope Polifemo, il ratto del Palladio e Ulisse che solleva il cadavere di Achille. Nel Museo si trovano anche altri reperti riferibili all'apparato ornamentale della villa e oggetti che documentano la vita del complesso fino all'età tardo-antica.

 

 

4° GIORNO | DOMENICA 23 settembre 2018                      
VILLA ADRIANA | ROMA | TRIESTE

Prima colazione in hotel. In mattinata visita a Villa Adriana. Pranzo libero. Partenza in pullman per il rientro a Trieste in serata.  

Costruita tra il 118 e 138 d.C. dall’imperatore Adriano, Villa Adriana in origine si estendeva su un’area di almeno 120 ettari in un territorio verde e ricco di acque, sui banchi tufacei che si allargano ai piedi dei Monti Tiburtini.Attualmente l’area visitabile è di circa 40 ettari. Alla sua realizzazione partecipò lo stesso imperatore, personalità versatile, che amò in particolar modo l’architettura. La Villa comprende edifici residenziali, terme, ninfei, padiglioni, giardini che si alternano secondo una distribuzione del tutto originale. I vari edifici erano collegati fra loro, oltre che da percorsi di superficie, anche da una rete viaria sotterranea carrabile e pedonale per i servizi. Straordinaria infine era la ricchezza della decorazione architettonica e scultorea della villa, che è stata oggetto di sistematiche ricerche e spoliazioni a partire dal Rinascimento.

 


Quota per persona (min. 20 paganti): € 573,00 

Supplemento singola (numero limitato): € 60,00 

La quota comprende:

  • noleggio pullman; 
  • soggiorno 3 notti presso hotel Colaiaco di Anagni 4* con trattamento di mezza pensione; 
  • visite guidate come da programma con guida e/o archeologo; 
  • assicurazioni spese mediche; 
  • accompagnatore da Trieste.

 

La quota non comprende: ingressi da pagare in loco, pasti e bevande (non previsti), extra in genere e quanto non specificato nella “quota comprende”.

 

Il programma potrebbe subire delle modifiche pur mantenendo i contenuti. 

Data di pubblicazione: 13 dicembre 2017

Organizzazione tecnica: Mittelnet Sas di Giorgini S. & Co.Aut. n. 2497/Tur dd. 24/08/05 Regione Fvg - Polizza R.C Europ Assistance n. 21486 ai sensi art. 49 L.R. 02/02  Comunicazione ai sensi dell'art 16 della legge 269/98. Polizza assicurativa  ex art. 50, 2° comma del decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79 (Codice del Turismo): Assicurazione FILO DIRETTO ASSICURAZIONI S.p.A: nr. 5002002211/l. La legge italiana punisce con la pena della reclusione i reati inerenti alla prostituzione e alla pornografia minorile anche se gli stessi sono commessi all'estero..

Mittelnet Sas  di Giorgini S. & Co. - via San Giorgio 7A – 34123 - Trieste
 Tel 040/9896112 – Fax 040/4606996
Partita Iva e Codice Fiscale 01076920329 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   -  www.mittelnet.com